lunedì 22 agosto 2016

Muffin al pistacchio


Dopo molti giorni di inattività riprendo la presentazione dei muffin preparati e ideati per il Corso di fotografia
Siamo al quarto tipo di muffin, ne mancano due per concludere questo bel progetto che mi ha entusiasmata e soddisfatta.



venerdì 1 luglio 2016

Rubrica del venerdì: cavolo nero


Oggi voglio parlarvi di una verdura che nella mia famiglia riscuote moltissimo successo: il cavolo nero. 

Si può raccogliere da novembre ad aprile, ma nel mio freezer era rimasta una preparazione che mi ha ispirato a parlare di questo vegetale con basso contenuto di calorico. 

I suoi componenti sono rappresentati non solo  da vitamine, ma anche da ferro, sali minerali, acido folico e sostanze antiossidanti. 

Rappresenta un ottimo antinfiammatorio e previene non solo le forme tumorali ma anche la comune influenza e allevia i problemi intestinali. 

Vi propongo le ricette del mio blog a base di cavolo nero, ma conto nel prossimo inverno di crearne di nuove. 





giovedì 30 giugno 2016

mercoledì 29 giugno 2016

Rubrica del mercoledi: conservazione delle verdure


Dopo la conservazione della carne e del pesce è venuto il momento di parlare del mantenimento delle verdure nel nostro freezer di casa. 

Mio padre ha un orto che d'estate produce verdure diverse in grandi quantità. E' sempre stato un ottimo ortolano e così fin da quando ero piccola sono stata abituata  a vedere mia madre che preparava le verdure per congelarle appena tolte dal nostro splendido orto. 

Alcune venivano congelate fresche ed altre trattate nel modo che vi illustro di seguito. 

Molti tipi verdure per essere congelate devono inizialmente essere trattate e se questa procedura viene eseguita con attenzione sarà possibile mantenerle in freezer per 6-8 mesi con una buona conservazione del sapore.

Le verdure utilizzate per la congelazione devono essere fresche e non troppo mature, vanno lavate ed eliminate le parti che possono essere deteriorate. 

La tecnica corretta consiste nel disporre le verdure tagliate in una pentola di acqua e lasciarle in essa per massimo 5 minuti. 

Una volta trascorso questo tempo le verdure vanno raffreddate velocemente in acqua fredda o di rubinetto; il passo successivo è di asciugarle e metterle nei singoli contenitori da frigo in cui verrà indicato il tipo di verdura e la data di confezionamento.

Per quanto riguarda lo scongelamento dobbiamo distinguere tra verdure crude che possono essere scongelate lentamente in frigorifero e verdure sbollentate che invece possono essere scongelate direttamente nella pentola di acqua.

La seguente tabella illustra quali verdure congelare cotte e quali crude. 


martedì 28 giugno 2016

lunedì 27 giugno 2016

venerdì 24 giugno 2016

Rubrica del venerdì: funghi


Oggi voglio parlarvi di  un alimento che adoro tantissimo e che, in questa mia settimana di vacanza sulle Dolomiti, ho potuto assaporare in tante varianti diverse. 

I funghi godono di numerose proprietà, sono indicati nelle diete ipocaloriche visto il loro basso contenuto calorico in quanto costituiti dal 90% da acqua, contengono molti sali alimentari, vitamine e fibre.

I funghi vanno introdotti frequentemente per il loro alto valore biologico in proteine e grassi rispetto ai vegetali; i funghi infatti anche se rappresentano una famiglia a se, possono essere assimilati alle verdure. 

Hanno proprietà antivirali e antibatteriche e aiutano a stimolare il sistema immunitario. 

Contengono antiossidanti che riducono la placca lipidica e aiutano ad abbassare il colesterolo. 

Attenzione però a non eccedere nel consumo dei funghi perchè contengono la micosina che è una sostanza che li rende difficilmente digeribili. 

Nel caso si desideri coglierli da soli nel periodo da settembre a  novembre, è opportuno portarli all'ASL di riferimento per far accertare la loro commestibilità. 

Inoltre, è possibile essiccare o surgelare i funghi in modo da poterli utilizzare tutto l'anno. 

Vi propongo un pasto completo a base di funghi: un antipasto, due primi piatti uno di riso e uno di pasta, un secondo piatto di carne con funghi e ancora funghi come contorno. 















giovedì 23 giugno 2016

mercoledì 22 giugno 2016

Rubrica del mercoledi: conservazione del pesce congelato


Dopo la conservazione della carne, oggi voglio analizzare la conservazione del pesce nel freezer.

La prima considerazione da fare è che il pesce, se non viene consumato velocemente, deve essere congelato freschissimo. Questo perché è un alimento che si deteriora molto velocemente e se ci fosse possibile, sarebbe opportuno trasportarlo in borse frigorifero al momento dell'acquisto.

Inoltre, i pesci grassi si deteriorano prima dei pesci magri e se fosse possibile, sarebbe meglio tenere il pesce nella parte più fredda del freezer.

La seconda cosa importante da fare è quella di pulire il pesce, evisceralo e lavarlo con cura sotto l'acqua corrente e disporlo in buste o contenitori ben chiusi con indicato la data del congelamento e il tipo di pesce. I gamberi, ad esempio vanno privati della testa. 

Quando dobbiamo scongelare il pesce, il metodo migliore è quello di lasciarlo in frigorifero nelle confezioni originali in modo che avvenga lentamente, magari togliendolo dal freezer il giorno prima.


La seguente tabella illustra i tempi di conservazione per i principali tipi di pesce.  



martedì 21 giugno 2016

Muffin bicolore


Oggi vi presento il secondo tipo di muffin che ho prodotto durante il mio progetto fotografico per il Corso di fotografia della Shaw Academy. 


lunedì 20 giugno 2016

venerdì 17 giugno 2016

Rubrica del venerdi: il carciofo


Il carciofo è un ortaggio prodotto principalmente in Italia ed è utilizzato sia come alimento che come medicinale.

E' costituito principalmente da acqua, carboidrati, sali minerali, alcune vitamine e tante fibre.

Conosciamo tutti l'utilizzo in ambito alimentare mentre, per quanto riguarda gli usi terapeutici, viene utilizzato per disturbi del fegato, nel trattamento del diabete, colesterolo e tante altre malattie ancora.

Il carciofo una volta acquistato può essere conservato in frigo per 3-4 giorni oppure potete immergere il suo gambo in acqua per mantenerlo fresco.

Questo ortaggio può essere mangiato crudo in modo da mantenere tutte le sue benefiche proprietà, oppure cotto in tanti modi diversi.



giovedì 16 giugno 2016

Piselli in padella


Oggi voglio presentarvi una ricetta semplice e veloce per preparare i piselli che provengono dell'orto di mio padre.

Non amo i piselli e quelli acquistati al supermercato non mi invogliano in nessun modo a mangiarli. 

Quando mio padre ci regala questi legumi per me è l'occasione di gustarli a pieno, e per questo li cucino in maniera semplice in modo da assaporare completamente la loro dolcezza.


mercoledì 15 giugno 2016

Rubrica del mercoledi: conservazione della carne


Oggi voglio presentarvi alcuni consigli utili per conservare gli alimenti nel nostro freezer perché, spesso presi dalla routine, facciamo la spesa un giorno a settimana e congeliamo molti alimenti appena comprati. Nel corso di questo mese analizzeremo quali alimenti si possono congelare e per quanto tempo.

Il freezer di casa mantiene una temperatura compresa tra i -18°C e -25°C e questo dipende dal numero di stelle assegnate all'elettrodomestico: tre stelle raggiunge la temperatura di -18 e quattro -25. I freezer a quattro stelle possono mantenere gli alimenti per un tempo superiore ma ovviamente, più vengono conservati e più perdono le loro proprietà nutritive.

Il processo di congelamento apporta cambiamenti nella struttura dei cibi e siccome il raffreddamento è più lento di quello industriale, come nella surgelazione, i tempi di conservazione risultano essere inferiori.

In generale gli alimenti nel nostro freezer possono essere conservati da 1 a 6 mesi in contenitori o buste ben sigillate che devono possedere un'etichetta indicante, oltre al tipo di alimento, la data di congelazione.

Inizieremo ad appuntarci i tempi di conservazione della care, anche se in generale si parla di 3-6 mesi a seconda che quest'ultima contenga o meno l'osso e se più magra si conserva meglio perché subisce meno l'ossidazione dei grassi. Ovviamente, se vengono congelate delle fettine di carne, queste si deterioreranno più velocemente di un pezzo di carne più grosso.

Quando dobbiamo scongelare la carne, il metodo migliore è quello di lasciarla in frigorifero nelle confezioni originali in modo che avvenga lentamente; mai lasciare che la carne si scongeli a temperatura ambiente perché questo provoca una maggiore perdita di liquidi ed elementi nutritivi. La carne scongelata andrebbe cucinata prima possibile ed entro comunque le 24 ore per evitare che i processi di deterioramento e proliferazione batterica riprendano la loro attività.


La seguente tabella illustra i tempi di conservazione per i principali tipi di carne.